SEGUICI SU
Facebook Twitter Flickr Youtube
Linkedin Google+
ULTIME FOTO
Academy
Hotourism

Storie della green economy

Storie di ‘straordinaria’ economia. Al miglior contributo una borsa di studio per partecipare al Master in Comunicazione Ambientale 2012.

 

 

Mario Tozzi insieme al Master di Comunicazione Ambientale presentano “Storie della green economy”, Premio Giornalistico realizzato con il quotidiano Metro rivolto a chiunque abbia a cuore la qualità dell’ambiente e abbia voglia di cimentarsi, fino al 26 marzo, in un esercizio di scrittura giornalistica in cui raccontare storie, casi, approfondimenti, che siano inchieste di denuncia o reportage di buone pratiche, il cui filo conduttore sia la green economy.

Tutti quei settori dell’economia che migliorano la qualità dell’ambiente, lo conservano in buona salute o aiutano a ridurre l’inquinamento e ogni altro danno rientrano nella green economy: dal settore delle energie rinnovabili a quello delle foreste, dalla chimica verde ai parchi naturali, dall’alimentazione bio o di qualità all’edilizia sostenibile, dal risparmio energetico all’ecoturismo, dalla conservazione dei beni culturali e ambientali alla bonifica e al disinquinamento di aree a rischio, ecc.

Gli elaborati dovranno essere costituiti da un breve scritto di massimo 3600 battute (spazi inclusi) corredato per chiunque lo volesse di immagini e soprattutto un elenco delle fonti e dei riferimenti da cui sono tratte le informazioni contenute nell’articolo.

Ciascun partecipante potrà inviare al massimo due (n.2) contributi. Potranno essere presentati solo elaborati originali e inediti.Le opere correttamente spedite verranno sottoposte a una giuria composta da un rappresentante del Centro Studi CTS (Maurizio di Marco, direttore del Centro Studi) un rappresentante del quotidiano Metro (Stefania Divertito), un rappresentante dell’Enea (Vincenzo Ferrara), dal direttore scientifico del Master, Marco Gisotti, e presieduta dal geologo nonché divulgatore Mario Tozzi.

Mario Tozzi e Vincenzo Ferrara

Per partecipare scarica:
Regolamento

Liberatoria
Invia testi e foto all’indirizzo: comunicazioneambientale@centrostudicts.it

 

 

 

 

 



Condividi

6 commenti

  1. Pingback: possibilMENTE | Reti per il Cambiamento

  2. Pingback: Letizia Palmisano Giornalista Ambientale » Blog Archive » Parte il 7 marzo “storie della green economy”: premio giornalistico rigorosamente sostenibile ;-)

  3. Ho trovato l’articolo molto interessante ovviamente xké amo la natura e gli animali per cui essendo a favore della salvaguardia di questi due settori inorridisco davanti a scene di distruzione deturpazione e non rispetto dell’ambiente e/o non rispetto sfruttamento e maltrattamento degli animali che appunto vivono e abitano la natura che l’uomo insolente superficiale e distruttore abusa facendone un “uso” improprio e malsano.Ma allo stesso tempo gioisco nel vedere o scoprire quelle aree di natura INCONTAMINATA dove tutto regna libero senza la presenza ingombrante degli uomini.Vorrei partecipare scrivendo un breve contributo a favore dell’ecologia e delle risorse energetiche rinnovabili.

  4. Per la partecipazione al premio giornalistico “Storie della Green Economy” è possibile inviare documenti che presentino proposte di turismo sostenibile? Grazie

    • Ciao Elisa, per partecipare al premio giornalistico “Storie della Green Economy” dovrai presentare un elaborato originale di tua produzione, in lingua
      italiana raccontando esperienze, storie, casi, approfondimenti che riguardino il mondo dell’ecologia e dell’ambiente. Gli articoli potranno essere inchieste di denuncia o reportage di buone pratiche sia in Italia che all’estero. Per green economy si intendono tutti i settori dell’economia che migliorano la qualità dell’ambiente, lo conservano in buona salute o aiutano a ridurre l’inquinamento e ogni altro danno: dal settore delle energie rinnovabili a
      quello delle foreste, dalla chimica verde ai parchi naturali, dall’alimentazione bio o di qualità all’edilizia sostenibile, dal risparmio energetico all’ecoturismo, dalla conservazione dei beni culturali e ambientali alla bonifica e al disinquinamento di aree a rischio.
      Non sono quindi previsti argomenti che riguardano il turismo sostenibile.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>